denuncia aperta:



Della politica illegale e disgustosa dell´osservatorioapocalittico.it avevo sperato di non dovermi più occupare, ma invano. Sto parlando di un reato, di palese violazione del Codice Penale, evidenziata dallo scrivente in un paragrafo apposito nella pagina in oggetto, per cui mi attendevo una rettifica di ciò che hanno inopinatamente postato, nonché le loro pubbliche e dovute scuse.
Malauguratamente, dopo aver approfittato della spiacevole disavventura della metà 2011 - quando non ho esitato ad espormi di persona con tutta la nazione, correndo solo dei rischi, grazie alla falsa previsione sbandierata dal Giuliani sulla parola di Bendandi per il 10 Giugno 2011 nel Mar di Sicilia - hanno pensato bene di sfruttare la situazione al più non posso, come può fare chi campa sput­ta­nan­do il lavoro altrui, anche quando non sa di cosa parla, scegliendo di insistere per­ni­cio­samente in tale atteggiamento senza alcuna cognizione di causa.

Pensavo che rivolgersi direttamente al Governo fosse garanzia suf­fi­cen­te del­le motivazioni ed in­ten­ti volti alla comune salvaguardia, evidentemente anche sbagliando… e invece no!
Ho prontamente risposto alle loro menzogne nella stessa pagina offesa, ma debbo constatare che non demordono, a distanza di mesi e nella più totale ed ingiuriosa malafede, sia nei confronti del Web che della pubblica opinione, pur di guadagnare punti. Se si teme uno tsunami, lo tsunami deve arrivare! perché così, naturalmente, fanno tutti bella figura per averti citato. Infatti deduzioni  ad hoc le pubblicano sempre dopo, non in anticipo come faccio io. Nessun rischio, tutti i vantaggi, incluso in ogni caso il sangue degli altri per sopravvivere; e Google appoggia questa condotta illecita?

Insistono a produrre frasi e commenti diffamanti su un lavoro da me condotto con il massimo im­pe­gno, 100% no-profit e con risultati sbalorditivi, senza conoscerli o capirne nulla, ma confidando nel fatto che anche il pubblico non ne sa poco o niente, e per guadagnare visite si fanno piazzare dai motori di ricerca accanto alla voce AstroTime. Altro che paladini del sapere!
Non ho aperto quella pagina, non ne vale la pena; mi è sufficente notare la dicitura “è il caso per esempio del sito…” per captarne il tono, come se chi legge fosse abbastanza idiota da credere a tale spunto oc­ca­sio­na­le e disinvolto; ma forse l´idiota è chi si camuffa con tali mezzucci per ren­der­si credibile e farsi largo tra la folla.

Non soltanto fui l´unico a confermare l´arrivo di un terremoto l´11 Maggio, in un´area dallo Ionio alla Spagna occidentale, ma continuo a pubblicare previsioni orarie di sismi, verificati spesso con la precisione di secondi (2 addirittura a ZERO secondi) nonché di eventi di cronaca puntualmente maturati, e chiun­que lo può vedere (ma a non loro non rende). Senza contare che invito chi non è d´accordo con de­ter­mi­na­ti presupposti a chiudere la pagina; ma “l´occasione  fa l´uomo ladro”.

Non chiedo nulla a nessuno e fornisco gratuitamente servizi astrologici tra i più avanzati al mondo (già venduti in passato a 400mila per persona/annata).
Eppure non basta; anzi, forse la causa di tutto sta proprio qua.

Se questo Paese non fosse afflitto da problemi ben più gravi, andrei a de­nun­cia­re all'Autorità Giu­di­zia­ria i loro abusi, falsità, calunnie ed ingiurie, cosa che faccio qua, pubblicamente.
Spero che mi legga un avvocato, propenso ad im­pu­gna­re una citazione per danni morali e ma­te­ria­li, il cui risarcimento devolverei in beneficenza, come già faccio con i miei ebook.

Basta visitare i miei siti per verificare cosa c'è di vero e di falso nei loro articoli denigratòri; ma sulla rete l'improvvisazione ha quasi sempre più spazio della serietà. soprattutto quando può rendere qualche morboso clic; basta sparlare ed accusare.
La sola cosa 'controproducente' in siffatto contesto è la falsità e la falsiificazione: nessuno può met­ter­mi in bocca parole mai scritte né pronunciate, per guadagnarci sopra qualche centesimo a visita.

Si sono autotitolati per far pulizia e fanno più sudiciume degli altri; ma perché non la smettono e si comportano onestamente? paura di perdere le entrate pubblicitarie? o piuttosto la faccia?
Bene, andiamo avanti così; le mie pagine sono aperte ed immutate, da allora. Quando decideranno di cambiare me­to­do potremo anche collaborare.


come lavorano…
lo si scopre facilmente:
ho quindi sfogliato Google rovesciando la richiesta direttamente su “osservatorioapocalittico”:
Questo soggetto del 10 Giugno e di AstroTime deve aver reso abbastanza, visto che viene man­te­nu­to in prima fila ad un anno di distanza; ma vediamo il resto.
Subito dopo prendono di mira Bendandi.
Ho sempre difeso Bendandi a gran voce e spezzerò un´altra lancia in sua difesa, ammesso che ne abbia bisogno; e per ragioni più che evidenti. Si è fatto e disfatto per mesi al fine di smentire le due dicerie attribuitegli da non si saprà mai chi: terremoti l´11 Maggio 2011 e 5-6 Aprile 2012.
Alla fine ha prevalso la bufala e, se un ter­re­mo­to c´è stato l´11 Maggio, l´ha individuato Astro­Time, preannunciandolo con strumenti diversi. circa quattro mesi prima, con 90 minuti di anticipo.
Ma per loro non basta; all´occorrenza non esitano a riesumare Bendandi per ri-attribuirgli il secondo caso, ormai dismesso da tutti, pur di rafforzare il loro gioco; e questo dovrebbe chiarire il di­scor­so a sufficenza,
Nondimeno, i casi sono due:
  1. Bendandi non ha previsto nulla del genere, e in tal caso valgono i commenti di cui sopra.
  2. Bendandi ha previsto non uno ma 48 ore di terremoti su tutto il pianeta - più o meno bene che siano stati decodificati i suoi fogli - e, in tale caso, bisogna pur ammettere che ha colpito nel segno, essendosi verificati a pochi giorni detti terremoti proprio come descritti; e non si tratta di un evento ripetitivo, bensì del peggiore disastro globalle, dall´11 Marzo scorso in Giappone - anche quello previsto dai suoi fogli - ma soprattutto insolito, forse unico nel suo genere. Trovate qua una prima lista dei principali e qua una rassegna. Debbo ancora metter mano al soggetto
È pur vero che l´11 non è il 5-6 Aprile, ma quel che dovrebbe interessare la conoscenza scientifica è la logica rispondente di determinate configurazioni, illustrate con settimane di anticipo anche da AstroTime (insieme alle previsioni del ritorno di problemi climatici in eco a quelli di Febbraio) e non una cieca, indiscriminata negazione, volta unicamente a difendere la più completa ignoranza scien­ti­fi­ca in tal senso, e la propria vanità. Io avevo dato per pericoloso il 9 (già additando presso un blog il giorno 7 piuttosto che il 5-6), ma la formazione è la medesima, tutt´ora stabile (fino al 17) ed at­ti­va­ta di fatto dal transito di Luna sui punti cruciali. Ne darò maggiori dettagli in una prossima pagina sulla Croce Mobile e per me - non conosco le formule applicate da Bendandi - i conti tornano.

E poi, quando mai Bendandi avrebbe “fallito”? studi pubblicati in ambito universitario attestano che non ne ha azzeccate  fin troppe, pur con delle approssimazioni; ed è stato l´unico al mondo.
Ma a loro non rende; forse sanno fare di meglio?
Avessero almeno rispetto per quelle centinaia di persone, morte a causa dell´accademico  a rifiuto a dargli ascolto ! Dunque lo slogan “Bendandi fallisce ancora” più che gratuito è demenziale, per chi si atteggia a supremo osservatore; perché in primis fa mostra di non saper osservare.


apri la Home page
indietro